< Viaggi in Himalaya

Trekking in Mustang, l'ultimo Tibet
20 giorni/18 notti

Partenze libere su richiesta

 

… In una valle lontana, dietro le vette ghiacciate dell’Himalaya, vive un re d’altri tempi.
Il suo castello è di pietre e di fango, i suoi tesori sono pecore e cavalli. Il suo unico guardiano è un mastino dal pelo nerissimo. I suoi sudditi sono appena 4500, ma  il suo  regno accende la fantasia di ogni viaggiatore ancora in cerca di un’ ultima meta di sogno.

… Il Mustang,  un lembo di terra di 3573 km², si trova nella parte nord-occidentale del Nepal, al confine col Tibet. Ed è dal Tibet che vengono le sue genti, le sue tradizioni, la sua religione. Nel 1380 un nobiluomo di Lhasa andò a installarvisi, si proclamò re e, tra queste strabilianti montagne, costruì una città. La cinse di grosse mura di fango e la chiamò Lo Mantang, “la piana delle aspirazioni dello spirito".

… Tagliato fuori dal resto del mondo, incontaminato da influenza esterne, il Mustang è rimasto fermo nell'immobilità del tempo. Montagne invalicabili l'hanno protetto dal "progresso".

… Non ci sono strade che portano nel regno del Mustang. Ci si incammina per un sentiero che attraversa un'immensa distesa di ciottoli: il letto secco del fiume Kali-Gandaki che, nei millenni, si è scavato il canyon più profondo del mondo. Poi il sentiero, scolpito nei fianchi delle montagne, striscia lungo terrificanti precipizi, serpeggia attraverso gli altipiani e  si inerpica fino ai valichi di 4000 metri.

... La natura è di una primordiale bellezza. Tutto attorno le montagne sembrano piegarsi, creare delle cupole, delle torri, distendersi in pareti piatte e levigate o ergersi come le canne di un impressionante organo da ciclopi. Nell'assoluto silenzio, che pare quello del cosmo, si ha l'impressione di essere il primo essere umano a muoversi sulla terra dopo il Big Bang.

... Nel continuo, lento procedere in una pace completa si comincia presto ad avvertire la leggerezza della propria esistenza, l'irrilevanza della propria vita dinnanzi alla grandiosa presenza del divino della natura. È facile capire come per gli uomini, vissuti da secoli in questo paesaggio, il vento non sia altro che il respiro delle montagne, ogni rupe e ogni anfratto la dimora di un dio di cui è importante guadagnarsi la benevolenza.

... col passare dei giorni ci si rende conto che questo paesaggio desolato è punteggiato da innumerevoli, sconosciute, piccole Cappelle Sistine del buddhismo e che, nelle
Gompa frustate dal vento, si conservano collezioni di tanka che farebbero invidia ai migliori musei del mondo. I più risalgono al XIV e al XV secolo, l’età d’oro del Mustang, quando le carovane che dal Tibet portavano il sale al nord dell'India attraversavano questo paese e gli pagavano i loro tributi.

Quello che in Tibet è stato distrutto, quello che i cinesi hanno bruciato o fatto a pezzi, là nel Mustang è rimasto intatto. Qui le antiche arti e le tradizioni dei tibetani sono sopravvissute nella loro forma originaria. Allo stesso modo del mitico Shangri-La, il Mustang è una cassaforte colma di tesori.

Tiziano Terzani

 

IL VIAGGIO È COSTITUITO DA UN TREKKING PIUTTOSTO IMPEGNATIVO, RISERVATO A VIAGGIATORI ESPERTI E AVVEZZI A LUNGHI PERCORSI A PIEDI.
L’ALTA QUOTA, I TREKKING QUOTIDIANI, I PERNOTTAMENTI IN LOCAL HOTEL/TEAHOUSE, RICHIEDONO UN OTTIMO SPIRITO DI ADATTAMENTO E UNA PERFETTA FORMA FISICA.
LE TAPPE MEDIAMENTE NON SUPERANO LE 6/7 ORE DI CAMMINO NELL’ARCO DELL’INTERA GIORNATA.

 

1° giorno
ITALIA – KATHMANDU

Partenza con volo di linea per Kathmandu.

2° giorno
KATHMANDU

Arrivo all’aeroporto nepalese. Disbrigo delle formalità di sbarco. Incontro con le guide locali. Trasferimento in hotel. Cena di benvenuto in ristorante tipico. Pernottamento in hotel. (Mezza Pensione)

3° giorno
KATMANDU

(questa giornata nella Capitale è necessaria per l’ottenimento dei permessi- trekking Mustang) Prima colazione. Intera giornata dedicata alla visita della capitale: Durbar’s Square – Il Palazzo della Kumari o Dea Vivente – I Templi di Swayambunath. Pranzo libero. Nel pomeriggio visita al grande stupa buddista di Bodnath e al sacro luogo induista di Pashupatinath, lungo le sponde del fiume Bagmati, ove vengono cremati i defunti. Cena libera. Pernottamento in hotel.(B&B)

4° giorno
KATMANDU - POKHARA

Prima colazione in hotel. Partenza con automezzo privato per Pokhara (210 km). I tempi di percorrenza non sono stimabili a priori; spesso feste locali, automezzi sovraccarichi, transumanze di animali, clima avverso o altri imprevisti dilatano notevolmente l’orario di arrivo. Pranzo presso ristorante locale on the road. Nel pomeriggio arrivo a Pokhara adagiata tra laghi tranquilli e vette innevate: un luogo di notevole bellezza naturale. Tempo per relax o per visitare il Barahi Temple, la World Peace Pagoda oppure il vecchio Bazar. Cena in ristorante. Pernottamento in Hotel (Pensione completa).

5° giorno
POKHARA - JOMSOM - KAGBENI (4 ore di trekking)

Prima colazione in hotel. Incontro con la guida governativa nepalese (sardar) e trasferimento all’aeroporto per prendere lo spettacolare volo verso Jomsom: se il cielo è terso le alte vette della catena dell'Annapurna sembreranno vicinissime. Jomsom è una cittadina relativamente nuova (sede del governo locale e di una base militare) dove incontreremo lo staff che ci accompagnerà nel trekking. Dopo la preparazione iniziale dei carichi, iniziamo il nostro viaggio verso il grazioso villaggio di Kagbeni su di un sentiero prevalentemente pianeggiante che lo rende molto facile. Il tragitto è molto pittoresco, con vista sulle grandi vette del Dhaulagiri, Tukuche e Nilgiri, mentre a sud si può vedere l'intero massiccio dell'Annapurna. Kagbeni ci fornisce un assaggio di come sarà l’alto Mustang, con i suoi vicoli stretti, canali di irrigazione, campi verdi di grano e orzo e un grande Gompa rosso. Al Check Point di Kangbeni completeremo le pratiche burocratiche relative ai permessi. Pernottamento in local lodge/teahouse, (Pensione completa)

6° giorno
KAGBENI - CHHUKSANG - TSHE LE (6 ore di trekking)

Prima colazione. Oggi entriamo nella regione controllata dell’Alto Mustang. Dopo Kagbeni, quasi immediatamente il sentiero diventa ripido e il percorso ci porta sulla riva est del fiume Kaligandaki. Il sentiero poi è ampio e viene utilizzato dalle carovane di muli che portano merci dal Mustang e dal Tibet. Sulla parte ovest del fiume ci sono alcune grotte e Gompa, che a differenza della maggior parte dei Monasteri del Mustang (setta Sakyapa -berretti gialli), qui sono Nyingmapa (vedi Bhutan). Ci fermiamo per pranzo nel villaggio di Tangbe a cui si giunge passando vicino al primo chorten (stupa) bianco, nero e rosso tipico del Mustang. La cittadina è un labirinto di viuzze in mezzo a case bianche, campi di grano saraceno, orzo e meleti. Il Nilgiri Peak continua a dominare l’orizzonte a sud. Il villaggio di Chhuksang è solo a 2 ore di cammino da qui, alla confluenza del Narshing Khola con il Kali Gandaki. Chhuksang è suddiviso in 3 parti separate e nelle falesie circostanti sono visibili rovine di un castello e delle sue mura. Oltre il fiume vi sono alcune spettacolari falesie erose a “canne d’organo” sopra all’imboccatura di cavità inaccessibili. In questo villaggio si noterà un cambiamento, non solo nella topografia, ma anche nella cultura, modo di vivere e popolazione e le abitazioni incominceranno ad essere più isolate, piccole e spartane. La gente di Lo (nome locale del Mustang) pratica l’agricoltura, ma a causa della mancanza di pioggia e di terreno fertile, le coltivazioni sono in piccoli appezzamenti di terra isolati che punteggiano di verde il paesaggio bruno. Continuando verso nord arriviamo al villaggio di Tse-Le, vicinissimo ad un raggruppamento di 16 grotte, vecchie abitazioni dei Lama.Pernottamento in local lodge/teahouse. (Pensione completa)

7° giorno
TSHE LE - GHELING (6-7 ore di trekking)

Prima colazione. Si parte salendo verso i villaggi di Samar e Bhena (3840 metri). Dopo il passo di Yamdo La (4010 metri) da dove si vedono il Tilicho Peak, Yakawa Kang, Nilgiri e il Damodar Danda scendiamo velocemente seguendo un crinale al piccolo villaggio di Shyangmochen. Saliamo dolcemente al passo Yamda La (3850) e raggiungiamo Gheling con le sue case in stile tibetano. Visita del piccolo monastero. Pernottamento in local lodge/teahouse. (Pensione completa)

8° giorno
GHELING - TSARANG (6 ore di trekking)

Prima colazione. Si prosegue verso il passo Nyi-La da cui si può ammirare un panorama di rocce blu, grigie e rosse con i picchi hinalayani sullo sfondo. Il sentiero scende verso il grande villaggio di Ghame. Visita del monastero del XV secolo di Sherdrup Dargye Ling. Proseguimento per il passo di Ghame Koh La passando a fianco del più lungo Muro-Mani del Mustang. Saliremo ancora attraversando paesaggi mozzafiato per raggiungere Choya (3850) e poi una leggera discesa ci porterà in un altro villaggio significativo, Tsharang. Qui visiteremo il Gompa rosso che è uno dei più famosi del Mustang per ammirare collezioni di statue, dipinti e Thanka. Pernottamento in local lodge/teahouse. (Pensione completa)

9° giorno
TSARANG - LO MANTHANG (5-6 ore di trekking)

Prima colazione. Al mattino visita del villaggio e del suo grande monastero. Partenza per Lo Manthang. Si sale dolcemente fino ad un chorten isolato che segna il confine tra Tsarang e Lo. Il passo è a 4200 metri e sarà il punto più alto del trekking. La strada si allarga e finalmente avremo la prima vista della città di Lo Manthang che si adagia nella “pianura del desiderio”. Lungo il percorso si incontrano grossi chorten e abitazioni trogloditiche. Lo Manthang è cinta da mura ed ha 2 porte di ingresso: la principale a nord, la seconda (discreta e poco appariscente) a sud da dove entreremo noi. Pernottamento in local lodge/teahouse. (Pensione completa)

10° giorno
LO MANTHANG

Prima colazione. Intera giornata dedicata ad esplorare questa cittadina medievale con la sua vivace cultura tibetana. All'interno della città fortificata vi è un labirinto di vicoli che sono larghi poco più di 2 metri. Se il Raja (il Re) è a casa, si può visitare il Palazzo Reale. Il re Jigme Bista Parbal ha prevalentemente una funzione cerimoniale ed è visto come una persona che può aiutare i sudditi a risolvere i problemi locali. Inoltre ci sono da visitare i numerosi monasteri e templi della città. I più importanti sono il Thugchen Gompa, l’imponente Lhakhan Champa e il Chyodi Gompa: se fortunati sarà possibile assistere ad un'affascinante puja (cerimonia religiosa). Pernottamento in local lodge/ teahouse. (Pensione completa)

11° giorno
LO MANTHANG e DINTORNI (5 ore di trekking)

Prima colazione. Si parte a piedi per visitare il villaggio di Tingkhar, sede della residenza estiva del re, e dei villaggi di Kinling e Phuwa. Visiteremo anche il Gompa di Namgyal (Monastero della Vittoria) il più moderno e attivo Gompa di Lo, molto rispettato dalle locali comunità buddiste. Dalla piccola collina nelle vicinanze si gode di una fantastica vista della valle e dei villaggi. Rientro a Lo Manthang. Pernottamento in local lodge/teahouse. (Pensione completa)

12° giorno
LO MANTHANG - LO LA - YARA (6-7 ore di trekking)

Prima colazione. Si riprende la strada che ritorna verso Tsarang e dopo il passo di Lo la si devia a sinistra salendo in quota sino a Dhi. Da qui continueremo per Yara risalendo il corso del Fuyung Khola con i suoi sedimenti ricchi di ammoniti. Arrivo a Yara. Pernottamento in local lodge/teahouse. (Pensione completa)

13° giorno
YARA - LURI GOMPA - YARA (5-6 ore di trekking)
Prima colazione. Oggi, visitiamo il Luri Gompa, monastero-grotta fondato nel 13 ° secolo. Si tratta di un vero gioiello fuori dalle rotte turistiche completamente isolato e che in inverno viene chiuso. Gli affreschi risalgono al 12 ° secolo e mostrano chiare influenze derivanti dalle miniature persiane. Sono anche custoditi antichi testi buddisti scritti in oro. Rientro a Yara. Pernottamento in local lodge/teahouse. (Pensione completa)

14° giorno
YARA - DHE - TANGGYE (9 ore di trekking)

Prima colazione. Partenza di mattino presto in quanto oggi guaderemo il fiume Damodar Khola (conosciuto per l’abbondanza di ammoniti nei suoi detriti): se si parte tardi il fiume si ingrossa a causa dello scioglimento della neve e diventa problematico l’attraversamento. Dopo il guado saliremo tornati su tornanti per un paio d’ore per salire di quota e poi ridiscendere attraverso un paesaggio brullo sino a Tanggye. Pernottamento in local lodge/teahouse. (Pensione completa)

15° giorno
TANGGYE - CHHUKSANG (9 ore di trekking)

Prima colazione. Questa lunga giornata di cammino incomincia con l’attraversamento del fiume Tanggye Khola per poi inerpicarsi verso Paha e seguire il sentiero che si snoda in cresta su paesaggi mozzafiato e vista del Dhaulagiri e del Nilgiri. La vista verso nord diventa sempre più bella perchè il panorama rivela Tsarang, Lo Manthang e il confine con il Tibet. Nel tardo pomeriggio una ripida discesa di 800 metri porta alla verde oasi di Chhuksang e Tetang. Pernottamento in local lodge/teahouse. (Pensione completa

16° giorno
CHHUKSANG - MUKHTINATH (6-7 ore di trekking)

Prima colazione. Prosegue il cammino che conduce attraverso grandi spazi a Mukhtinath luogo sacro sia per gli Induisti che per i fedeli buddisti che pensano sia la residenza terrena delle Dakini. Pernottamento in local lodge/teahouse. (Pensione completa)

17° giorno
MUKHTINATH - JOMSOM (6 ore di trekking)

Prima colazione. Dopo la visita del Monastero di Mukhtinath si rientra a Jomson. Pernottamento in local lodge/teahouse. (Pensione completa)

18° giorno
JOMSOM - POKHARA- KATHMANDU

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto di buon mattino e volo per Pokhara (Jomsom è molto ventosa nel pomeriggio e i piccoli aerei decollano solo al mattino presto). Arrivo all’aeroporto di Pokhara e nel pomeriggio volo di rientro a Kathmandu. Arrivo all’aeroporto della Capitale nepalese, trasferimento in hotel. Cena libera. Pernottamento. (Mezza pensione)

19° giorno
KATHMANDU - BHAKTAPUR

Prima colazione. Partenza per Bhaktapur (conosciuta anche come Bhagdaon), antica città-stato ai tempi della dinastia dei Malla. Fondata nel IX secolo su una collina che domina il fiume Hanuman, questa antica capitale ha conservato un fascino ed un’atmosfera tipicamente medievali. Pranzo libero. Nel pomeriggio rientro in Kathmandu: tempo libero per relax o per shopping nel quartiere di Thamel. Cena presso ristorante. Pernottamento in hotel. (Mezza pensione)

20° giorno
KATHMANDU - ITALIA

Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e volo di rientro in Italia. (B&B)

 

QUOTE DEI SERVIZI A TERRA: su richiesta

 

La quota comprende

  • Tutti i trasferimenti in Katmandu e Kathmandu-Pokhara con minibus privato A/C
  • Volo di linea Pokhara - Jomsom- Pokhara
  • Volo di linea Pokhara - Kathmandu
  • Sistemazione presso hotel 3*** centrale a Kathmandu, lodge 3*** a Pokhara, guesthouse/teahouse in Mustang
  • Pensione completa dal 4° al 18° giorno
  • Cena di benvenuto e cena dell’arrivederci a Kathmandu
  • Visite ed escursioni con guida locale parlante inglese in Kathmandu il 3° e il 19° giorno
  • Assistenza di un capo spedizione con licenza governativa (15 giorni)
  • Permesso speciale per il trekking nell'area del Mustang
  • Tassa nepalese per la protezione dell’ambiente
  • Quota di registrazione per il trekking
  • Portatori durante i giorni di trekking (1 sherpa ogni 2 passeggeri)

La quota non comprende

  • Volo internazionale Italia-Kathmandu-Italia
  • Visto di ingresso in Nepal da pagare in loco 
  • Assicurazione medica (obbligatoria) e annullamento viaggio
  • Ingressi a monasteri, templi, musei a Kathmandu
  • Spese di facchinaggio e mance per autisti e guide locali
  • I pasti non specificati
  • Bevande, spese personali e quant’altro non espressamente indicato.

 

I prezzi del tour sono al netto dei servizi a terra, cioè senza biglietto aereo internazionale. Abbiamo pensato, a causa di stagionali impennate del costo dei biglietti aerei, di suggerirvi il prezzo più vantaggioso al momento della conferma del viaggio, dandovi la possibilità di scegliere tra varie compagnie. Oppure anche avere la possibilità di cercare voi stessi la compagnia area con miglior rapporto servizi/costo. Indicativamente Vi informiamo che il costo del volo aereo è compreso tra 650,00 € e 800,00 € (tasse aeroportuali comprese).